Avis
05 Luglio 2018
Mercatino dei Bambini - giovedì 5 luglio 2018
Avis
05 Luglio 2018
Mercatino dei Bambini
Avis
16 Giugno 2018
Corso di Formazione - L'Avis a Scuola: Interazione Educativa

Autotrasfusione

Autotrasfusione

L’autotrasfusione è una procedura trasfusionale che consiste nel trasfondere al soggetto unità del suo stesso sangue e si realizza con una delle seguenti modalità:

- predeposito

- recupero perioperatorio

- emodiluizione normovolemica

Il metodo più utilizzato è il predeposito, una tecnica trasfusionale con la quale si preleva il sangue dal donatore che sarà anche ricevente, per compensare le perdite di sangue che si possono verificare nel corso di interventi chirurgici programmati.
Alcuni giorni prima dell’intervento vengono prelevate unità di sangue dal paziente, in fasi successive, fino a raggiungere la quantità prevedibilmente necessaria, in modo da consentirne l’eventuale utilizzo durante l’intervento operatorio e/o successivamente allo stesso. Il sangue prelevato viene conservato secondo i metodi tradizionali e quindi trasfuso, in caso di necessità.

I principali vantaggi dell’autotrasfusione sono:

- eliminazione delle reazioni di incompatibilità

- eliminazione del rischio di trasmissione di malattie infettive

- riduzione del rischio di immunizzazione da antigeni diversi, con possibili manifestazioni a distanza

- risparmio di sangue

Il paziente deve essere informato che le unità predepositate vengono conservate fino a scadenza della componente eritrocitaria e che sono disponibili solo per le sue necessità trasfusionali. La scadenza dell’unità di predeposito, le relative modalità di conservazione e di trasporto sono analoghe a quelle per le unità di sangue omologhe.

e-mail